La Mindfulness
entra in azienda.

Perché iscriversi a un corso di Mindfulness? Semplice, perché ci rende più felici di vivere!

Perché iscriversi a un corso di Mindfulness? Semplice, perché ci rende più felici di vivere!

Da quando sono istruttrice di Mindfulness, mi sono confrontata con molte domande e curiosità, su cosa sia la mindfulness e a cosa serva. C’è talmente tanta letteratura scientifica che ne dimostra l’efficacia per la riduzione dello stress e per il miglioramento della qualità della vita, che spesso le persone restano incredule e vogliono sperimentarlo in prima persona.

I corsi di Mindfulness, accolgono persone di ogni tipo e di ogni età:  giovani adulti alle prese con lo stress dell’entrare nel mondo del lavoro in questo delicato periodo storico; manager ipertesi, stressati da richieste continue di risultati e innovazione, alla ricerca di nuovi strumenti per migliorare le performance e allo stesso tempo dormire la notte senza troppi pensieri; mamme alle prese con il delicatissimo equilibrio tra l’essere mogli, madri, figlie di genitori anziani, lavoratrici, e chi più ne ha più ne metta; signori e signore in pensione che riscoprono il piacere di dedicare del tempo a se stessi e liberarsi da vecchi condizionamenti vivendo appieno quello che la vita riserva loro; persone colpite da una malattia, che hanno bisogno di fare pace con il proprio dolore e il cambiamento di vita che comporta; giovani, e meno giovani, coppie messe alla prova dalle tante fatiche del vivere insieme, dell’essere genitori, del mantenere spazi individuali e contemporaneamente coltivare la dimensione di coppia; persone che lavorano nell’ambito delle relazioni di aiuto, pronte a mettersi un’altra volta in gioco per essere sempre più autentici ed accoglienti con i propri clienti/utenti; professionisti in burn out; studenti e  insegnanti, avvocati e commercialisti, impiegati, dirigenti, operai, HR manager, mamme e papà, figli, nonni, … persone di ogni tipo appunto.

Durante un corso Mindfulness,

tutte queste persone si conoscono, si confrontano e soprattutto praticano insieme, ovvero coltivano insieme la consapevolezza del qui e ora. Portano attenzione in modo gentile a quello che accade nella loro esperienza, a livello di pensieri, emozioni e sensazioni corporee. Osservano le situazioni più faticose del vivere e provano a scomporle in tanti piccoli attimi, singolarmente più facili da accogliere e lasciar andare. Provano a guardare con tenerezza al proprio mondo interiore, sorridendo anche alle emozioni più difficili, come la rabbia, la tristezza, la paura, riconoscendole come fenomeni psico-fisici transitori e non come una minaccia da cui essere travolti e da cui tenersi lontano.

I partecipanti ai corsi Mindfulness diventano ogni giorno più curiosi, interessati, aperti a ciò che accade nella loro vita e nella vita di chi gli sta accanto. Si diventa esperti di quell’incredibile mondo che è rappresentato dai pensieri, quel flusso incessante di commenti, giudizi, dialoghi interiori che ci accompagnano sempre, portandoci a volte a rimuginare su eventi passati, a volte a predefinire eventi futuri e, quasi mai, a stare nell’unico vero attimo che abbiamo a disposizione, ovvero il presente. Si diventa più focalizzati e meno distratti. Si prova a decodificare le nostre emozioni, riconoscerle ed accettarle, pe quanto siano intense, faticose o contraddittorie. E poi, si scopre quell’incredibile mondo delle sensazioni corporee, ci si educa a riconoscere nel corpo le nostre esperienze, a riappropriarci dei sensi, come luogo di conoscenza, e del corpo come ancora al presente.

Il percorso non è mai lineare, non è semplice cambiare abitudini consolidate, o spezzare automatismi auto-lesivi, le nuove consapevolezze arrivano piano piano, incontro dopo incontro, a volte ci si demoralizza, a volte ci si entusiasma, in ogni caso si fanno sempre delle scoperte. Si impara a stare con quello che c’è, a non scappare, non criticare, a godersi i piccoli momenti della vita: un raggio di sole, il suono di una campana, una doccia calda, una pizza appena sfornata, una persona che ci sorride per strada, il ticchettio della pioggia sul vetro, le pause di una melodia, … La nostra vita diventa più bella, non perché sia cambiato qualcosa, ma perché noi siamo più disponibili a viverla pienamente, così come viene, con i suoi imprevisti, con i suoi colori, non sempre piacevoli, non sempre spiacevoli.

È questo che in definitiva ci rende più felici e più fiduciosi!

A presto

Valeria


Prossimi corsi Mindfulness in partenza nelle città di Milano (MM Udine), Milano (MM Brenta), Monza e Galbiate (LC)

Conduce: Valeria Degiovanni, psicologa e psicoterapeuta, istruttrice senior di protocolli mindfulness based del Centro Italiano Studi Mindfulness