La Mindfulness
entra in azienda.

Mindfulness & Business

Mindfulness & Business

Pubblicato il: 14 febbraio 2017 alle 1:33 pm

Mindfulness e Business, potrebbe sembrare un connubio strano o addirittura una contraddizione di termini. Invece, ormai da diversi anni, la Mindfulness è un tema molto discusso nel mondo economico.

Sono numerosissimi gli articoli che trattano di questo argomento (pensiamo al Time che titolava in copertina “The Mindful Revolution”) e che stanno riscuotendo un enorme successo le iniziative che mirano ad affrontare una delle maggiori sfide dell’epoca di oggi: la gestione dello stress.

Il CEO di Intermix Khajak Keledjian ha condiviso i suoi segreti per la pace interiore con The Wall Street Journal. Arianna Huffington, caporedattore di The Huffington Post, ha discusso di mindfulness su Thrive, il suo ultimo libro ne parla ampiamente. Altri imprenditori che meditano sono il CEO di Aetna Mark Bertolini, il CEO di Salesforce.com Marc Benioff e il CEO Zappos.com Tony Hsieh, per citarne solo alcuni.

“La riduzione dello stress e la consapevolezza non solo ci rendono più felici e più sani, ma sono un vantaggio competitivo provato per qualsiasi azienda.”

The Huffington Post

Proviamo a quantificare che impatto abbia sul conto economico lavorare in un ambiente con un basso livello di stress.

Troppo spesso imprenditori e manager credono, sbagliando, che mettendo pressione sui loro collaboratori ne aumenteranno le performance.  Quello che invece si potenzia è lo stress e le ricerche hanno ormai ampiamente dimostrato che alti livelli di stress generano alti costi sia per l’impresa che per i dipendenti.

Lo stress porta maggiori costi sanitari (malattie, incidenti, assenteismo,..) e un più elevato turnover (licenziamenti, trasferimenti, ..).

Uno studio condotto su dipendenti di varie organizzazioni ha evidenziato che le spese sanitarie dei dipendenti con alti livelli di stress erano il 46% più alte di quelle di organizzazioni simili, ma con livelli di stress più bassi. In particolare, lo stress lavoro correlato è collegabile a problemi cardiaci a carico delle coronarie, sia in termini di studi prospettici (in previsione di condizioni future) che retrospettivi (osservando condizioni passate). C’è da considerare anche l’impatto sul turnover: il 52% dei dipendenti ha riferito che lo stress li ha spinti a cercare un nuovo lavoro, a rifiutare una promozione o a lasciare il proprio lavoro.

continua a leggere »

Pubblicato in FocusMindful Leader - Scritto da Valeria Degiovanni