La Mindfulness
entra in azienda.

Mindfulness per superare ansia e depressione: una testimonianza diretta

Mindfulness per superare ansia e depressione: una testimonianza diretta

Pubblicato il: 24 maggio 2017 alle 1:50 pm

Un’altra preziosa testimonianza da parte di una partecipante ai corsi Mindfulness, tenuti dalla dott.ssa Valeria Degiovanni. Anna, l’autrice di questa lettera, ha generosamente voluto condividere la sua esperienza con chi non ha ancora intrapreso questo cammino ed è alla ricerca di una via per stare meglio!

______________________________________

Ciao Valeria,

siamo ormai alla fine del corso, purtroppo. Per me è stata la prima esperienza.

Ad Ottobre, dopo averne sentito parlare da mia sorella che già pratica da qualche anno ed avere visto per caso su fb che a Galbiate sarebbe iniziato un corso di Mindfulness,  ho deciso di iscrivermi più per necessità che per curiosità o voglia di sperimentare qualcosa di nuovo.

Infatti a dicembre 2015 il mio corpo in modo molto violento e senza alcun preavviso mi ha detto “basta, adesso è ora di fermarsi e cambiare”. E lo ha fatto con crisi di ansia molto forti e momenti di “depressione”. Non avevo più voglia di fare niente. Non avevo più stimoli. Non dormivo più. Non mi curavo più. In pratica si era spenta la luce. Panico più totale. Mi sono rivolta così ad uno psichiatra e psicoterapeuta. Ed è iniziato così il mio percorso di cambiamento supportata anche da una terapia farmacologica. E’ stata durissima soprattutto perché volevo a tutti i costi capire cosa stava succedendo, rifiutavo i momenti di ansia e depressione e in parte rifiutavo anche la terapia farmacologica per paura di ….. perdere il controllo. Poi piano piano ho iniziato a cambiare il mio atteggiamento e l’ansia e la depressione sono diventate meno forti. Ho iniziato così a diminuire anche la terapia farmacologica. E poi ad Ottobre ho iniziato a …. Praticare.

Mi è servito tantissimo. Soprattutto per acquisire consapevolezza in tutto quello che faccio. E questa consapevolezza mi ha aiutata ad accogliere il mio disagio, ad attraversarlo, ad accettarlo. So che solo con la pratica posso davvero vivere consapevolmente nel qui e ora e so che il lavoro da fare è continuo ma sono contenta di avere iniziato. Ora mi accorgo di avere molti momenti all’interno della giornata di pratica informale e che gioia riconoscerlo … sento la necessità di praticare in modo formale anche se faccio ancora molta fatica senza “la guida”. E sono molto cambiate anche le mie relazioni con gli altri: mio marito, i miei colleghi, i miei amici, i miei famigliari. Sono più aperta e molti schemi mentali sono riuscita a … lasciarli andare.

Pertanto grazie di cuore per tutto quello che mi hai trasmesso. Grazie per i tuoi insegnamenti. Grazie per il tuo porti sempre amorevole gentile nei miei confronti. Mille volte grazie.

Spero tanto di poter riprendere il cammino ancora con te il prossimo autunno ….

Anna Nasatti, corso di Galbiate.

 

Prossime iniziative di Mindfulness (aperte a principianti e già praticanti):

Conduce Valeria Degiovanni, Psicologa e Psicoterapeuta, Istruttore Senior di protocolli Mindfulness based del Centro Italiano Studi Mindfulness

Per informazioni e iscrizioni: info@mindfulorganization.it

Pubblicato in Focus - Scritto da Valeria Degiovanni

Vacanza Mindfulness in Marocco: natura, cultura, relax, relazioni autentiche

Vacanza Mindfulness in Marocco: natura, cultura, relax, relazioni autentiche

Pubblicato il: 4 maggio 2017 alle 9:47 pm

Vacanza Mindfulness: 6-13 agosto 

Essaouira – Marocco 

Per informazioni e iscrizioni (fino ad esaurimento posti) scrivere a info@mindfulorganization.it

Sono felice di comunicarvi che la vacanza è confermata perché abbiamo già avuto un numero sufficiente di pre-iscrizioni!

Essaouira è mare, colori e Marocco ancora autentico. Affacciata sull’Oceano Atlantico nel cuore di una foresta di 600 ettari è una destinazione ricca di bellezza. Adagiata lungo 4km di un’incantevole spiaggia incontaminata con sabbia finissima, in questa pittoresca cittadina, oltre a godersi il relax e il mare, si possono fare numerosi sport acquatici ed escursioni nell’entroterra, all’insegna della natura e della cultura. Essaouira, secondo la tradizione, è stata fondata da mercanti cartaginesi in un luogo abitato da popolazioni berbere. La sua medina fa parte dei Patrimoni Mondiali dell’Umanità dell’Unesco. Il clima è mite e fresco, per gran parte dell’anno. Infatti, la corrente fredda che scorre lungo la costa atlantica del Marocco mantiene basse le temperature estive e le massime rimangono sui 20/23 gradi anche ad agosto.

continua a leggere »

Pubblicato in Focus - Scritto da Valeria Degiovanni

Mindfulness & Business

Mindfulness & Business

Pubblicato il: 14 febbraio 2017 alle 1:33 pm

Mindfulness e Business, potrebbe sembrare un connubio strano o addirittura una contraddizione di termini. Invece, ormai da diversi anni, la Mindfulness è un tema molto discusso nel mondo economico.

Sono numerosissimi gli articoli che trattano di questo argomento (pensiamo al Time che titolava in copertina “The Mindful Revolution”) e che stanno riscuotendo un enorme successo le iniziative che mirano ad affrontare una delle maggiori sfide dell’epoca di oggi: la gestione dello stress.

Il CEO di Intermix Khajak Keledjian ha condiviso i suoi segreti per la pace interiore con The Wall Street Journal. Arianna Huffington, caporedattore di The Huffington Post, ha discusso di mindfulness su Thrive, il suo ultimo libro ne parla ampiamente. Altri imprenditori che meditano sono il CEO di Aetna Mark Bertolini, il CEO di Salesforce.com Marc Benioff e il CEO Zappos.com Tony Hsieh, per citarne solo alcuni.

“La riduzione dello stress e la consapevolezza non solo ci rendono più felici e più sani, ma sono un vantaggio competitivo provato per qualsiasi azienda.”

The Huffington Post

Proviamo a quantificare che impatto abbia sul conto economico lavorare in un ambiente con un basso livello di stress.

Troppo spesso imprenditori e manager credono, sbagliando, che mettendo pressione sui loro collaboratori ne aumenteranno le performance.  Quello che invece si potenzia è lo stress e le ricerche hanno ormai ampiamente dimostrato che alti livelli di stress generano alti costi sia per l’impresa che per i dipendenti.

Lo stress porta maggiori costi sanitari (malattie, incidenti, assenteismo,..) e un più elevato turnover (licenziamenti, trasferimenti, ..).

Uno studio condotto su dipendenti di varie organizzazioni ha evidenziato che le spese sanitarie dei dipendenti con alti livelli di stress erano il 46% più alte di quelle di organizzazioni simili, ma con livelli di stress più bassi. In particolare, lo stress lavoro correlato è collegabile a problemi cardiaci a carico delle coronarie, sia in termini di studi prospettici (in previsione di condizioni future) che retrospettivi (osservando condizioni passate). C’è da considerare anche l’impatto sul turnover: il 52% dei dipendenti ha riferito che lo stress li ha spinti a cercare un nuovo lavoro, a rifiutare una promozione o a lasciare il proprio lavoro.

continua a leggere »

Pubblicato in FocusMindful Leader - Scritto da Valeria Degiovanni

E se ciò che pensiamo di noi non fosse del tutto vero?

E se ciò che pensiamo di noi non fosse del tutto vero?

Pubblicato il: 27 gennaio 2017 alle 7:51 pm

”Io sono fatto così” …

… mi piace avere tutto sotto controllo, le cose o le faccio bene o non le faccio, sono generoso, mi sacrifico, sono timido, sono un casinista, sono un perfezionista, non sopporto quelli che arrivano tardi, non riesco a stare fermo, mi innamoro sempre della persona sbagliata, non so dire di no, al lavoro sono quello che esce sempre per ultimo, non alzo mai la voce, non chiedetemi di parlare in pubblico, non chiedetemi di stare dietro le quinte, …

Vi siete riconosciuti in una qualunque di queste affermazioni?

“Io sono fatto così”, è una delle frasi con cui spesso ci presentiamo, ci raccontiamo (ce la raccontiamo!) e con cui invece, senza accorgercene, non facciamo altro che impedirci di:

  1. essere quello che siamo;
  2. essere quello che siamo in quel momento preciso, diverso da quello precedente e da quello che verrà;
  3. vedere tutte le sfumature emotive, sensoriali e di pensiero che ci descrivono proprio in quell’attimo, in quel luogo, con quella persona;
  4. accogliere e accettare con un sorriso le nostre tante contraddizioni;
  5. sperimentarci in piccoli o grandi cambiamenti che possono avere un impatto profondo nelle nostre vite! 

    continua a leggere »

Pubblicato in Focus - Scritto da Valeria Degiovanni

Mindfulness: più tempo, più idee, più calma, più salute!

Mindfulness: più tempo, più idee, più calma, più salute!

Pubblicato il: 9 gennaio 2017 alle 11:53 am

Sembra sempre di non avere tempo, .. ma quanto tempo perdiamo dentro ai nostri pensieri?

 

Quanto tempo consumiamo ad arrovellarci dentro a quel mondo di rimuginazioni, commenti, giudizi, condanne, sensi di colpa, percezioni di inadeguatezza, per ciò che è andato diversamente da come desideravamo, ci aspettavamo, ci veniva richiesto?

Quanto tempo perdiamo poi a formulare scenari possibili per le nostre vite e per le nostre giornate, lavorative e familiari, ricordandoci le tante cose da fare, anticipando possibili intoppi, provando  a prevedere l’imprevedibile e tentando di tenere tutto sotto controllo?

Avremmo più tempo se fossimo più focalizzati, meno distratti dai nostri pensieri e più aperti a ciò che viene!

Avremmo anche più idee, più nuove, essendo meno vincolati a quelle del passato o a quelle anticipate nelle nostre previsioni. Ci sentiremmo più liberi di creare, innovare, cambiare, avremmo meno paura di sbagliare.

Più tempo e più idee!

La mindfulness ci insegna a fare questo, ad accorgerci di tutte le volte che la nostra mente scappa, si attacca ai pensieri, si distrae dal momento presente, e a riportarla a casa, dentro il corpo che è sempre nel qui e ora. Con la mindfulness impariamo a essere completamente attenti e aperti a ciò che avviene, che ci piaccia oppure no, riducendo il tempo sprecato a pensare a come le cose sarebbero dovute andare. Siamo più leggeri e più pronti a rispondere agli eventi, alle circostanze, alle persone, ai mercati, per come si presentano oggi e non rigidamente in base a piani predefiniti e in quanto tali fallibili.

Più tempo, più idee e più calma!

continua a leggere »

Pubblicato in Focus - Scritto da Valeria Degiovanni